Applicazioni cobot: impieghi e vantaggi dei robot collaborativi

applicazioni cobot

Con l’aumento e l’espansione delle applicazioni cobot negli impianti di ricerca e produzione, integratori, progettisti e produttori stanno trovando nuovi modi per consentire ai robot collaborativi di lavorare insieme agli esseri umani per eseguire in sicurezza attività separate ma compatibili. 

Al giorno d’oggi esistono moltissime applicazioni cobot inserite in una vasta gamma di settori differenti. Tuttavia, poiché la tecnologia è così nuova, domande come “Cos’è un cobot?” “In che modo ne beneficia l’azienda?” “E quali sono alcune delle sue applicazioni?”risultano ancora molto frequenti.

Ecco quindi un’introduzione ai cobot, alle loro applicazioni e ai vantaggi per le aziende.

Il decollo del mercato dei cobot

Sebbene i cobot (abbreviazione di collaborative robot) siano stati inventati oltre due decenni fa, la domanda per questa tecnologia è fortemente decollata solo negli ultimi anni. 

Ancora considerata una tecnologia emergente, si prevede che il mercato globale dei robot collaborativi raggiungerà i 2,3 miliardi di dollari entro il 2025.
Secondo BIS Research, il mercato globale dei robot collaborativi è stato valutato a circa 674,9 milioni di dollari nel 2020. Nello stesso anno, il volume delle vendite di cobot ha totalizzato 18.600 unità. Il valore di mercato ha subito un calo significativo rispetto all’anno precedente del 2019, un calo del -9%. Nonostante l’improvviso calo, il mercato globale dei cobot dovrebbe continuare in futuro con un CAGR del +28% fino al 2025.

Le tendenze chiave del mercato e i driver che contribuiscono a questa rapida crescita includono:

  • La crescente domanda di robotica e automazione
  • Basso investimento di capitale e alto ROI offerto dai cobot
  • Ampliamento delle applicazioni dei cobot
  • Agevolazioni fiscali e incentivi del governo
  • Adozione di nuove tecnologie industriali digitali come 5G, IoT industriale, ecc.

Che cos’è un cobot?

Un cobot (robot collaborativo) è una tecnologia robotica automatizzata progettata per assistere, interagire e lavorare con gli esseri umani in uno spazio di lavoro condiviso o definito all’interno di un’area di produzione o di un impianto industriale. 

L’industria si è dimostrata ricettiva ai cobot, in gran parte a causa della capacità di questa tecnologia di funzionare in maniera eccellente in compiti che fino a poco tempo fa potevano essere portati a termine solo dagli esseri umani.

La collaborazione con gli umani è la principale caratteristica di distinzione tra cobot e robot. 

Differenze tra cobot e robot industriali tradizionali

I robot industriali autonomi utilizzati nella produzione, funzionano “in isolamento” dal contatto umano. 

I cobot invece hanno la capacità di apprendere più attività che assistono direttamente gli umani e funzionano anche in modo interattivo, in prossimità e a contatto con le loro controparti umane.

La sicurezza è la priorità assoluta quando si parla di tecnologia cobot. Le funzionalità di progettazione includono il rilevamento delle collisioni, il feedback di forza intrinseco e persino limitazioni alla velocità e alla forza che consentono loro di condividere lo stesso spazio di lavoro con gli umani. 

La sicurezza e l’efficienza sono 2 delle spinte trainanti nella diffusione dell’utilizzo della tecnologia dei robot collaborativi.

Applicazioni cobot negli impianti di produzione: quali vantaggi?

Grazie alle caratteristiche di sicurezza avanzate della tecnologia cobot, i robot collaborativi hanno reso la realtà manufatturiera decisamente migliore, sia per le aziende e per le persone che lavorano nelle aree di produzione. 

Come dicevamo prima, gli esseri umani possono lavorare insieme ai cobot senza alcun rischio di lesioni. 

Inoltre, le applicazioni Cobot migliorano notevolmente anche le prestazioni e l’efficienza del reparto, il che a sua volta migliora la soddisfazione sul lavoro e fornisce ai lavoratori un maggiore senso di realizzazione. 

Le attività ripetitive, laboriose, rischiose, banali e noiose vengono ora eseguite in collaborazione da cobot e umani. 

Questo non solo ha portato ad un sostanziale aumento della produzione, ma rimuovendo i lavoratori da lavori pericolosi o dannosi, ha anche ridotto gli infortuni sul lavoro e migliorato la fidelizzazione dei lavoratori. 

L’interazione collaborativa tra umani e cobot ha dimostrato di essere una relazione efficace, vantaggiosa per l’azienda e per i lavoratori.

Applicazioni cobot più diffuse

Al giorno d’oggi esistono moltissime applicazioni cobot inserite in una vasta gamma di settori differenti.

Sebbene le applicazioni dei cobot continuino ad espandersi, tre dei lavori più comuni assolti dai cobot negli ambienti di produzione sono Pick and Place, Packaging e Pallettizzazione e Controllo Qualità (Quality Inspection).

I lavori di Pick and Place rientrano tra i compiti manuali, banali e ripetitivi eseguiti dalle persone che lavorano negli stabilimenti produttivi. Nello svolgimento di lavori noiosi e di routine, è frequente il verificarsi di “incidenti”, a causa dei movimenti ripetitivi che i lavoratori eseguono senza pensare troppo. 

Non solo è probabile l’errore umano, ma i lavoratori stessi sono spesso in difficoltà nello svolgimento di compiti ripetitivi. 

I cobot potenziati con sistemi di visione avanzati eseguono le attività di prelievo e posizionamento in modo più efficiente, consentendo ai lavoratori di concentrarsi sul completamento del lavoro che richiede un pensiero critico.

L’imballaggio e la pallettizzazione dei prodotti sono fondamentali per la preparazione alla spedizione, ma anche per mantenere il flusso delle linee di produzione. 

I prodotti devono essere spostati dalla catena di montaggio a un’area di sosta dove possono essere avvolti in film termosensibile, imballati e/o posti su pallet per la spedizione. 

Compiti ripetitivi e noiosi, ma anche laboriosi per i lavoratori: i cobot possono avvolgere, inscatolare ed eseguire compiti di sollevamento di carichi pesanti in modo rapido ed efficace, oltre ad allontanare i lavoratori dal potenziale rischio di lesioni.

Dai un’occhiata qui sotto a un cobot in azione!

Il controllo qualità garantisce che i prodotti siano realizzati e spediti privi di difetti di fabbrica.

L’ispezione di grandi volumi di prodotti è noiosa per i lavoratori, che spesso si trovano a fronteggiare l’affaticamento mentale che può far sfuggire i problemi agli ispettori. 

I cobot possono essere progettati per ispezionare le parti finite attraverso l’imaging comparativo con modelli CAD, ed effettuare un’ispezione rapida grazie all’applicazione di più telecamere ad alta risoluzione che catturano simultaneamente ogni angolo di una visuale.

Hai dubbi su un’applicazione di automazione? Contattaci subito, un esperto di automazione Kinema risponderà alle tue domande e saprà aiutarti a trovare la soluzione di automazione ideale per la tua azienda!

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] ultimi 10 anni, i cobot sono cresciuti in popolarità, diventando onnipresenti quasi quanto i classici robot […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.